Categorie
Argentina Viaggio in Sud America

Sierras Chicas e Alta Gracia

Córdoba è circondata da due catene montuose, Sierras Grandes, dove abbiamo esplorato los Gigantes, e Sierras Chicas. Alla seconda dedichiamo una lunga esplorazione in camioneta, prima tappa la bellissima Candonga.
Proseguiamo verso i luoghi di infanzia di Fernando, la casa dei nonni, tra colli e fiumi dove fare il bagno.
Mortaio comune della popolazione precolombina a bordo del fiume.
I giorni nella Sierra Chica prevedono la visita ai musei di Alta Gracia, e iniziamo con la casa d’infanzia di Ernesto Guevara.
Impresionanti i suoi primi viaggi per il Sud America, dove rimane colpito dalle grandi disuguaglianze che flagellano la popolazione. In particolare, il primo viaggio di 4000 km lo effettua con una bicicletta italiana, Garelli, alla quale monta un motore Micrón.
La Poderosa II
Proseguiamo con l’interessante casa museo di Manuel de Falla, che trasferitosi in Argentina dalla Spagna, si stabilisce ad Alta Gracia per affrontare la tubercolosi.
Terminiamo con le sculture di Gabriel Dubois. Nel pomeriggio visitiamo due località curiose. La cittadina di General Belgrano è costruita tutta in stile tedesco e sembra di essere in Baviera. Si festeggia anche l’Oktoberfest. Terminiamo la giornata a la Cumbrecita, un grazioso villaggio completamente pedonale tra le montagne. Anche qui lo stile è tedesco. Gli immigrati tedeschi giunti qui negli anni 40, decisero infatti di costruire i villaggi ricreando i loro ambienti di provenienza.
Piccolo imprevisto. Ormai tardi, torniamo alla nostra auto, ma questa volta la camioneta ci lascia a piedi. Gomma bucata. Affrontiamo la situazione con estrema calma argentina. Innanzitutto preparo un mate, mentre Fernando chiede aiuto alla Polizia. Loro chiamano i pompieri, che chiamano a loro volta un gommista locale. Ci viene incontro, porta la ruota nella sua officina e torna mezz’ora dopo con la ruota riparata. Che bello! Fernando mi ripete che a lui, la gente di Córdoba piace tanto! E anche a me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *